Produttori

Arte, benessere e storia nel Delta del Po

Le osterie rappresentano i locali di un passato non troppo vicino che aveva tutta una serie di significati, valori e funzioni che venivano ben rappresentati nella figura del gestore del locale: l’oste. La sera del prossimo 12 maggio a Bellombra (www.slowfoodrovigo.it) la neo dottoressa Elisa Bellato illustrerà nell’ambito di un seminario organizzato presso Le Magnolie il suo lavoro di tesi che è stato quello di un progetto di recupero e valorizzazione dell’osteria “la Tona” che si trovava proprio a Papozze nei pressi di Adria. Con il titolo “Arte, benessere e storia nel Delta del Po” nell’ambito del Corso di Laurea in Decorazione-Interior Design presso l’Accademia di Belle Arti di Brescia Santa Giulia la neo dottoressa ha ipotizzato un recupero dello stabile, ancora esistente, con una finalità che era la stessa di una volta magari rivisitata nell’ottica dei cambiamenti dei tempi, degli stili di vita e delle aspettative. L’etimologia del termine osteria deriva probabilmente dal latino “hospite” e sta a rappresentare il valore di riferimento di questo luogo che è appunto quello dell’ospitalità. Normalmente legati alle zone di passaggio e di commercio, le osterie, antesignane dei nostri ristoranti o alberghi, sorsero come punti di sosta e ristoro per poi evolvere in luoghi convenzionali incontro, di ritrovo e di relazioni sociali. La parte strutturale degli edifici, spesso poveri e dimessi, non risultava assumesse un importanza particolare per il successo del locale. Era fondamentale il luogo queste dove sorgevano e alla vita che vi si alimentava. Una garanzia dell’osteria era il fatto di trovarvi immancabilmente del vino. Era l’;elemento immancabile intorno al quale tutti gli altri ingredienti giravano, soprattutto e normalmente il cibo, le camere da letto e la prostituzione. Se già nel Trecento  Bologna  contava ben 150 osterie, a partire dal XV secolo questi locali divennero sempre più numerosi, punto di ritrovo di cittadini e intellettuali, fino a ricoprire un ruolo di aggregazione e dibattito molto importante nel tessuto sociale cittadino. Oggi probabilmente l’osteria esiste ancora se esiste l’oste, quella figura di anfitrione, che accoglie, offre ristoro ed ospitalità con un misto di gentilezza ed abilità commerciale. Molto spesso trattorie e ristoranti usano la qualifica di “osteria”, ma spesso questo attributo è improprio: è solo da dentro che si capisce e si coglie se di vera e propria osteria si tratti. I tempi sono comunque mutati e le opportunità di aggregazione e ritrovo, anche virtuale attraverso i social media, si sono di molto ampliate. Sarà interessante andare a scoprire i dettagli dell’antico locale di Papozze nella serata culturale della dott.ssa Bellato.

By |Agenda, Articoli, Primo Slide, Produttori|Comments Off on Arte, benessere e storia nel Delta del Po

Giovedì gustoso e goloso

Giovedì 21 gennaio 2016 alle ore 20:30 presso il Ristorante AMO Verona – Vicolo Due Mori, 6 – Verona

Va in scena una collaborazione tra Ristoranti

Ristorante Amo Verona e Alla Borsa di Valeggio sul Mincio

La serata nasce per assaggiare il Broccoletto di Custoza presentato dai suoi Produttori

A Tavola:

– un antipasto con una Bruschettona di broccoletti
per primo piatto un fine lavoro di arte esperienza e poesia di sfoglia,

del Ristorante Alla Borsa della Famiglia Pasquali il NUOVO

 

– Tortello del Giubileo con Broccoletto di Custoza

morbida ricotta e pecorino Romano DOP

conditi con il burro dell’Oasi del Mincio

 

– Secondo piatto con la Pecora Brogna della Lessinia e uno sformatino di broccoletti

– piatto della Cucina di AMO –

Non ci saranno broccoletti nel dessert…….ma:

 

– Sfogliatine di Valeggio della Pasticceria Brentegani e zabaione

 

Saranno serviti in abbinamento i vini delle Azienda Monte Tondo di Soave

e delle Tenute Salvaterra di San Pietro Incariano

Vi aspettiamo prenotando al Ristorante AMO 045 801 14 82

 

Condotta Slow Food Verona: condottaslowfoodverona@hotmail.it

 

Ristorante Alla Borsa Valeggio s\M   045 795 0093

Collaborano alla serata

Comunità dei Produttori del Broccoletto di Custoza

Carlo Alberto Food – Macelleria e Gastronomia – Cadidavid – Verona

By |Produttori|Comments Off on Giovedì gustoso e goloso

Vini di confine

Mercoledì 15 Luglio, ore 11:00

In occassione della conferenza il professor Scienza presenterà il suo libro scritto in collaborazione con Serena Imazio: Vini di confine. Storie, leggende e vigneti di Lombardia (Trenta Editore).

A fine presentazione un brindisi con i vini dell’azienda pavese La Travaglina.

Milano Wine Garden – Piazza S.Ambrogio

By |Produttori|Comments Off on Vini di confine

Ventaglio novanta a Ca’ Cornera

Martedì 17 Marzo

L’Associazione Ca’ Cornera, dove il Po si fa cultura con la partecipazione della PRO LOCO di Porto Viro, in occasione della chiusura della mostra Veder Verde dell’artista fiorentino Carlo  Bertocci, propone i seguenti appuntamenti:

Ore 19:30 nel Granaio

Piccolo aperitivo di benvenuto con saluto del Sindaco Thomas Giacon e  dell’Assessore alle Attività Produttive e al Turismo Silvia Gennari;

Breve visita alla mostra di dipinti e sculture di  Carlo Bertocci, il quale fonda la sua ricerca artistica sul come guardare la natura e scoprirla come fosse la prima volta.

Ore 20:00 nell’ Osteria

Cena con “protagonista il Tartufo”, menù:

Rassegna di salumi polesani con bruschette al tartufo;

Cosciotto di maialino al forno con crema di tartufo;

Contorni;

Dolce della casa;

Vino, acqua e caffè.

Euro 18,00 è gradita la prenotazione entro Lunedì 16 c.m. al 342 7518571 oppure 0426 325006.

Nel corso della serata presentazione del n° 50 di VENTAGLIO novanta, nota rivista polesana edita da Turismo & Cultura di Rovigo. Interverrà il prof. Lino Segantin, direttore della pubblicazione, con alcuni  suoi collaboratori.

L’evento gode del patrocinio della Città di Porto Viro.

Ca’ Cornera, stazione di sosta nel delta del Po – Località Ca’ Cornera, 3 – Porto Viro

By |Produttori|Comments Off on Ventaglio novanta a Ca’ Cornera

Cena quaresimale

Sabato 21 Marzo, ore 20:00

Prima che arrivi la bella stagione, si è cercato un pretesto per poter nuovamente assaggiare il baccalà come lo faceva la signora Rosy. Per chi abita nel circondario di Noventa Vicentina, la signora Rosy era una istituzione della locale ristorazione ed il figlio Luca, che ora ha ben salde le redini della cucina, ha ben imparato le lezioni della madre e tutto ciò lo abbiamo già verificato nella Cena degli Auguri del 2013. Ora ritorniamo sul luogo del delitto ponendoci un grande interrogativo: cosa si beve col baccalà? A Nord lo si accompagna col Vespaiolo, sui nostri colli lo si abbina al Tocai (ophs, non ci abitueremo mai a chiamarlo Tai!) ed invece, verso Ovest è il Durello che primeggia nella scelta. E noi? Per non far torto a nessuno li abbiamo presi tutti in modo che finalmente, sveleremo questo amletico dubbio che ci attanaglia.

Degusteremo una cena quaresimale (ma non troppo) composta da:

Tradizionale baccalà mantecato

Durello spumante Az. Fongaro

Sapidi bigoli co’ la sardela

Vespaiolo Az. Maculan

Hotel Ristorante “ALLA BUSA”  – Via Matteotti, 70 – Noventa Vicentina (VI) – www.allabusa.it

By |Produttori|Comments Off on Cena quaresimale

Presentazione del libro “Mangia come parli”

Domenica 25 Gennaio, ore 18:00

Presentazione del libro di Cinzia Scaffidi “Mangia come parli”.

Trattoria la Botteghetta – Via Villetta, 88, Villetta VE

By |Produttori|Comments Off on Presentazione del libro “Mangia come parli”

Terre di Toscana

Domenica 1 e Lunedì 2 Marzo, dalle ore 11:00

130 produttori personalmente presenti, 600 etichette in assaggio, accurata selezione di specialità gastronomiche, grandi cuochi in azione.

Ingresso Euro 25,00 L’ingresso dà diritto a degustare tutti i vini presenti. Ingresso ridotto (Euro 20,00) per i soci AIS, FISAR, ONAV, AIES, SLOW FOOD, TOURING e abbonati al notiziario de L’AcquaBuona. Tutti gli dettagli sul sito espressamente dedicato all’evento: www.terreditoscana.info

UNA Hotel Versilia – Lido di Camaiore (LU)

 

 

By |Produttori|Comments Off on Terre di Toscana

Assaggi di grappa

Per conoscerla, sceglierla e abbinarla.
La grappa si beve! Sì, ma si “mangia” anche, visto che può essere un’ottima alleata della
nostra cucina. Non ci credete? Provate a consultare il libro Assaggi di grappa. Per
conoscerla, sceglierla e abbinarla e cambierete di sicuro idea. Il distillato italiano, oramai
famoso in tutto il mondo, svela tutte le sue potenzialità e soprattutto la sua versatilità visto
che è eccellente bevuto da solo, ma regala fantastiche sensazione se ben dosato nelle
ricette e se miscelato per cocktails. Stilla dopo stilla, le “lacrime alcoliche” che fuoriescono
dal rame dell’alambicco diventeranno compagne indispensabili da usare in cucina o da servire
nei bicchieri di amici e invitati, trasformando le pareti di casa nel bancone di un barman.
Un approccio diverso al mondo del distillato che nasce dalle vinacce, per troppo tempo
considerato adatto a un’élite di intenditori e consumatori. Una panoramica sulla grappa e sulla
sua evoluzione sociale e culturale, non più solo come bevanda del fine pasto, ma adatta anche
per usi e consumi diversi. Una compagna da tenere sempre a portata di mano, da utilizzare per
dare un tocco differente alla marinatura di carne e pesce, per arricchire un piatto in cottura
regalando aromi ed eleganza, oppure per rendere unici e irripetibili tanti cocktails da
degustare tranquillamente seduti sul divano nel salotto di casa.
Il libro è comodamente suddiviso in 4 parti. La prima sezione è dedicata a una sintesi
generale della storia e dell’evoluzione della grappa, da semplice elisir con finalità mediche a
bevanda ufficiale. La seconda è riservata alla parte un po’ più tecnica: scelta della materia
prima, sistema di distillazione, invecchiamento e prodotto finale. Il terzo e il quarto capitolo
sono rispettivamente dedicati a 10 piatti proposti e realizzati dallo Chef Giuseppe Rai
(Ristorante UNA Hotel Tocq di Milano) e 10 Cocktails ideati e miscelati dal Barman
Leonardo Veronesi (Locale Rivabar di Riva del Garda).
Titolo: Assaggi di grappa. Per conoscerla, sceglierla e abbinarla
Autore: Maddalena Baldini
Anno di pubblicazione: novembre 2014
Pagine: 80
Prezzo di copertina: 12,00 euro
Il libro che sarà in libreria e sui principali siti di vendita online da gennaio 2015.

By |Produttori|Comments Off on Assaggi di grappa

Uno chef in viaggio tra gusti e territori

Giovedì 13 Novembre, alle ore 20:30

Presentazione del libro di Paolo Bodon “Uno chef in viaggio tra gusti e territori”.

Osteria Capoborgo – Gavardo – Brescia

 

By |Produttori|Comments Off on Uno chef in viaggio tra gusti e territori

“Cuoco senza stelle”

Giovedì 2 Ottobre, ore 18:15

Presentazione del libro dello Chef Franco Luise ” Cuoco senza stelle”.

Bolzoni Galleria – Via Cesare Battisti, 8 – Rovigo (RO) – Tel. 0425 412632

 

By |Produttori|Comments Off on “Cuoco senza stelle”