Si è conclusa da poco in modo veramente esaltante l’edizione 2016 della rassegna musicale DeltaBlues. DSC_0087Anche quest’anno la collaborazione con Slow Food Rovigo si è rivelata utile e felice perché ha offerto la possibilità di coniugare e sperimentare contemporaneamente la cultura della musica, quella del territorio e quella della tradizione gastronomica. L’ultimo di una lunga serie concerti che hanno toccato diverse tappe del territorio tra i due fiumi,  è stato quello che l’ottimo chitarrista Doug MacLeod ha tenuto su un’imbarcazione della famiglia Cacciatori di Porto Tolle. Si è trattato di una crociera fluviale collocata temporalmente sul finire del giorno, all’attenuarsi della canicola solare all’affacciarsi delle prime brezze serali.DSC_0092 Imbarcato a Ca Tiepolo, un gruppo non numeroso di appassionati ha potuto assaporare le note del musicista che sotto coperta ha tenuto il suo concerto, abbinando la contemplazione estetica di una natura e di un ambiente unico e speciale, fatto di persone, animali e di elementi naturali. TramontoLa scelta del repertorio, concordata con il navigato organizzatore Claudio Curina, ha toccato, si può dire proprio così, tutte le corde di una sonorità che ha ben interpretato la maestosità del grande Fiume, la sua portata, la sua potenza pur in una apparente tranquillità. Affacciati sul delta del mare, dove le luci ed i colori mutavano rapidamente, si è rientrati per la parte culturale meno eterea e più materiale. Diversi partecipanti hanno così scoperto l’interessantissima offerta ristorativa dell’albergo Italia, in piazza a Ca Tiepolo, che ha saputo unire prodotti del territorio insieme con la tradizione della cucina. DSC_0105Cucina di pesce, naturalmente, che ha sposato le altre specialità di questo punto del Fiume che sono fatte di riso di alta qualità e di vongole e cozze che, anche al di la della stagionalità, garantiscono sempre una ricchezza di sapori.

Davide Biasco