Blues, territorio e buon cibo: questo potrebbe essere lo slogan con il quale anche quest’anno Slow Food Rovigo sostiene e partecipa alla storica rassegna di concerti di Delta Blues. Le sonorità della 29 esima edizione spazieranno dall’1 giugno al 9 luglio dal jazz al soul, dall’etnica al rock’n’roll. La collaborazione con l’associazione del “Buono, pulito e giusto” si concretizza attraverso la sensibilizzazione ed il coinvolgimento di alcuni ristoratori del territorio che partecipano all’evento offrendo l’ennesima opportunità di degustare tradizione e stagionalità al termine degli spettacoli. L’attenzione alla gastronomia dei prodotti si è concentrata su alcuni eventi particolari. Più precisamente con la serata di inaugurazione di mercoledì 1 giugno a Salvaterra di Badia Polesine presso la Villa Valente Crocco “”Casa della cultura e della legalità” con il concerto di Fabrizio Poggi blues dal titolo “Il soffio della libertà: il blues e i diritti civili”. Al termine di questa serata la riconosciuta Osteria del Gallo ed il noto agriturismo Le Clementine offriranno un aperitivo con un buffet con i prodotti di qualità dell’alto Polesine. Il 5 giugno sarà la volta di Ian Siegal e Jimbo Mathus che saranno i protagonisti della prima Blues Cruise, la crociera-concerto nel cuore del Delta del Po, alla scoperta dei luoghi più suggestivi in cui il fiume incontra il mare. La serata si concluderà con una vera e propria cena al Ristorante Aurora di Cà Dolfin, a poche centinaia di metri dal luogo dell’imbarco. Protagonisti d’obbligo saranno i prodotti della pesca del Delta del Po: risotto di pesce del Delta, le seppie in umido con polenta con farina di mais biancoperla e le verdure degli orti di Rosolina. L’ultimo concerto con degustazione chiuderà la rassegna il 9 luglio con Doug MacLeod in una mini crociera che si concluderà con una cena al Ristorante Albergo Italia  a Porto Tolle. La versione di quest’anno, immutata l’attenzione allo spessore dei musicisti, sarà l’attenzione ai prodotti del territorio che vedranno una maggior valorizzazione rispetto alle rassegne precedenti. Sul sito www.deltablues.it tutti i dettagli.

Davide Biasco