L’Oro di Venissa, arrivato alla sua terza edizione, ha il piacere di ospitare la scultrice Carole Feuerman, una dei fondatori del movimento iperrealista

L’inaugurazione si terrà presso la Tenuta Venissa martedì 9 maggio alle ore 18, durante la quale interverranno Matteo Bisol, Direttore di Venissa, Rina Dal Canton, curatrice della mostra, e Piergiorgio Baroldi, Presidente Art&fortE. L’esposizione, che vedrà le opere dell’artista inserite nell’affascinante contesto della Vigna Murata dell’isola di Mazzorbo dal 10 maggio al 30 settembre, è organizzata in collaborazione con Bel Air Fine Gallery.

Carole A. Feuerman è riconosciuta a livello mondiale come una pioniera nel campo della scultura iperrealista.Assieme a Hanson e De Andrea, lei è una dei tre capisaldi che verso la fine degli anni settanta ha dato inizio al movimento, dando vita a delle sculture che rappresentavano precisamente i modelli. Consacrata come “la decana del super-realismo” dallo storico dell’arte John T. Spike, la Feuerman ha definito il suo spazio nella storia dell’arte. La prolifica carriera di Carole Feuerman si espande per i sette continenti da oltre quattro decadi. Le sono state dedicate nove retrospettive in vari musei e quattro cataloghi ragionati. I suoi lavori sono presenti in collezioni private, gallerie, parchi e musei di tutto il mondo. Fra i collezionisti privati che annoverano le sue opere troviamo l’Imperatore del Giappone, il Presidente William Clinton e la Segretaria di stato Hillary Clinton, Norman Brahman, la Caldic Collection, Mark Parker, Ariella Wertheimer, Robert Hurst e Malcom Forbes.